Preferirei vedere i miei cani morire domani che farli vivere una vita al guinzaglio

DSC04936Un titolo un po’ provocatorio perché il tema della libertà mi sta molto a cuore, sarà perché io per prima non sopporterei di essere legata, obbligata, costretta.

Quante persone tengono il loro cane al guinzaglio per tutta la vita. E’ molto diverso dal carcere?

E non mi dite che lo liberate all’area cani, perché questa non è libertà.

Quante paure proiettiamo sugli altri, sui cani, sui figli…

I cani li possiamo trattenere, possedere, relegare in nome di un falso amore. Quello che ci fa tenere sotto controllo la persona con cui stiamo, non è amore, è attaccamento e possessione. Facciamo confusione, tutti noi. Ci innalziamo a salvatori e proiettiamo sugli altri le nostre paure impedendogli di vivere la loro vita e portandoli a vivere la nostra.

Ovvio è, che non si può fare tutto quello che si vuole, che non sto parlando di casi estremi. Che la testa bisogna sempre usarla. Ma proprio perché abbiamo una testa e la specie umana dovrebbe essere tanto intelligente, perché non apriamo un po’ gli occhi e cerchiamo di capire quando non è il caso di slegarli (es. sulla tangenziale), o quando è una nostra emozione che ci impedisce di fare quel passettino in più per essere tutti più felici.

Ripeto, per cortesia… non sganciate cani a caso, valutate e informatevi ma non per 10 anni e l’ultimo giorno della loro vita, in punto di morte, decide sì di sganciare per 10 secondi il guinzaglio, tanto dove vuoi che vada, e poi ormai sta morendo…nel lutto…nel dolore ci siete già immersi…potreste sopportare…

Il guinzaglio è la vostra relazione. Non esiste guinzaglio migliore. Che chiamarlo guinzaglio pare pure brutto. Perché infatti non dovrebbe essere un qualcosa che lega ma che unisce, che sorregge, non che chiude.

Stavo riflettendo su certi discorsi fatti  giorni scorsi. C’è chi insegna il richiamo con l’ausilio del collare a strozzo, ma se il cane non viene da voi fatevi due domande. C’è un mondo là fuori fatto di prede e di tanti stimoli…ma domanda: ai figli insegnate a tornare a casa con il pungolo elettrico ?

I vostri fidanzati o fidanzate li obbligate a tornare ad un certo orario? O scelgono di tornare ? E come scelgono? E se si perdono e se muoiono lungo il tragitto…Eh sì, chiudiamoci tutti in casa e non usciamo mai più in attesa di un meteorite.

Che relazione è quella impostata sulla forza?

Non ditemi che i cani sono eterni bambini, siamo noi a conciarli in questo modo. Loro sono in grado di maturare benissimo, dovete solo dargliene l’opportunità.

Li vedrete quanto saranno felici quando gli darete l’opportunità di crescere attraverso la libertà.

Gli imprevisti? Eh sì, possono succedere, ma può anche succedere che qualcuno vi rubi il cane direttamente da casa, dal giardino, dall’auto, o mentre dormite, e il cane si perde…o muore, oppure non saprete mai più dove è. Se oggi, qui adesso in questo momento, è sul divano di qualcuno a godersi una carezza, se sta subendo le peggiori cose, o se è in un altro mondo ormai da tempo.

Vi si è stretta un po’ la pancia? Una lacrimuccia è scesa? Ebbene a me è successo, un cane sparito da casa senza lasciare traccia.

E lì, con il vuoto in mano, non potrete che lavorare sulle vostre emozioni…

 

 

Questa voce è stata pubblicata in I CANI INSEGNANO..., Libertà, Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *